Corno Orientale di Nefelgiu (2878m)

 

 

30/12/2012

Luogo di partenza: Alpe Stafel (Riale)

 

Difficoltà escursione: BS

 

Dislivello: 1173m di salita, (Alpe Stafel 1705m – Corno orientale di Nefelgiu 2878m)

 

Tempo di percorrenza dell’escursione: 3 h di salita

 

Raccomandazioni: Salita da effettuarsi in condizioni di neve sicura, visto un passaggio a rischio potenziale di valanghe.

Per salire con rischio marcato è necessaria una buona capacità di valutazione dei pendii e del pericolo.

A parte questo aspetto non sono presenti grosse criticità.

 

Traccia GPS: Clicca con tasto destro e salva con nome: Nefelgiu

 

Album fotografico:

 

 

 

L’escursione:

Mancano ormai pochi metri dislivello alla vetta, nelle orecchie o forse nel cuore parte Chopin con un notturno che adoro. Mi guardo attorno, la neve ha reso ancora più armoniose le forme della val Formazza. La temperatura è perfetta, quella ideale per fare scialpinismo. Vorrei rallentare per gustarmi ogni passo di questo bellissimo tratto finale della gita, che mi fa sorridere dentro. Solo guardando il pennacchio di neve che parte dalla cima capisco che non mi fermerò molto su, ma ciò non toglierà nulla alla bellezza di questa gita.

 

Quattro sci alpinisti e mezzo (il mezzo sono io) propongono caoticamente mete e gite al parcheggio di Arona. Alla fine prevale Nefelgiu.

Accetto con gioia la proposta e mi chiedo se questa volta arriverò in cima. Enzo mi rassicura dicendomi che mi ha sempre portato fortuna e anche questa volta non smentisce la regola.

Arrivati al Pernice Bianca scopriamo che i pendii, intonsi per le recenti nevicate, stanno per essere attaccati da un gruppo tosto che per nostra fortuna traccerà la gita fino in vetta!

Se fossimo arrivati 10 minuti prima… non so. Meglio così anche se appena partiti  ci rendiamo conto che avere tracciatori forti davanti ha pro e contro. La traccia che fanno è di una ripidità spaventosa, per fortuna la neve ben assestata ma soffice fa un’ottima tenuta con le pelli.

 

 

Neve, luci e ombre

 

Procediamo di passo calmo, gustandoci la giornata e la bella temperatura e guardandoci attorno per capire se sussiste un reale pericolo valanghe, visto che il bollettino oggi dava rischio marcato ma… i tracciatori sono gente tosta e neppure il tempo di pensare “passerei di là” che la traccia gira assecondando i nostri pensieri.

Prendiamo quota, sgranandoci come al solito, confortati dalla ottima visibilità e dall’ambiente aperto. Imposto un passo regolare, fermandomi pochissimo se non per brevi soste mangerecce ed idratanti, per il resto mi godo la salita.

 

 

Il vallone salito

 

Chi mi conosce sa che adoro la val Formazza e trovarmi qui in inverno, con questa bella neve è una goduria pura, cibo per la mente.

Stiamo alti prima del traversino, perdendo poi qualche metro di quota prima di immetterci nel canale. A vederlo di fronte sembrava molto ripido ma ora che ci sono dentro non mi sembra poi molto impegnativo, per cui con il mio passettino procedo metro dopo metro.

Enzo mi supera a passo di carica e mi stacca con due dei suoi lunghi passi.

Un paio di zig-zag su neve duretta mi fanno un po’ tribolare ma riesco a cavarmela senza rampant. Ora la cima appare a pochi passi da me e mentre Enzo arriva in vetta attacco la rampa finale.

 

 

In vetta

 

Strette di mano, spellata veloce e giù al sole, appena sotto la cima, riparati dal vento, per mangiare qualcosa. Subito a ruota arriva tutto il gruppo, tutti in cima in questa bella giornata.

 

Ora comincia la parte che di solito mi preoccupa ma oggi sono tranquillo, posseduto da qualche strano folletto non sento addosso la solita ansia per la discesa e alla fine tutto va bene. Prima parte molto bella, poi troviamo un po’ di tutto, crosta portante, semiportante, non portante, neve polverosa.

Nel complesso una bella sciata e una gran bella gita, che scegliamo di concludere davanti ad un panino e una birra, per farci gli auguri di buon anno!

 

Scialpinisti: Vittorio, Davide, Monica, Enzo e Marco

 

 

                                                                                                                                                                                   Ski alp