Il ritorno del Re, John Ronald Reuel Tolkien

 

Terzo ed ultimo libro della trilogia Il Signore degli Anelli, il ritorno del Re narra l'epilogo della vicenda. I personaggi a noi cari affrontano innumerevoli peripezie, tuttavia tutti puntano, ognuno seguendo il proprio destino, su Minas Tirith, capitale del regno di Gondor. E' proprio contro Gondor che l'occhio di Sauron si rivolge con attenzione e crudeltà.

Mentre Frodo e Sam penetrano nel regno di Mordor, verso le fornaci del Monte Fato per distruggere l'anello, Sauron lancia la sua offensiva contro Minas Tirith.

I nostri eroi si ritrovano nel mezzo dei battaglie senza speranza, descritte sapientemente da Tolkien come nessun altro saprebbe fare. Armate di orchetti marciano verso le mura della città distruggendo tutto ciò che trovano mentre un'ombra terrificante scende su di essa rendendo plumbeo il cielo ed i cuori dei cavalieri.

Elfi, uomini, nani e hobbit sono impegnati nell'ultima strenua battaglia contro il male.

Metafora dell'alleanza tra razze e popoli diversi contro un male comune la resistenza all'assedio di Gondor rappresenta l'ultimo tentativo dei popoli liberi di sconfiggere il signore delle tenebre e per Aragorn il suo tentativo di diventare re.

 

Se gli altri due capitoli sono caratterizzati da una sapiente e vasta descrizione del territorio e del paesaggio, il Ritorno del Re si distingue per l'enfasi con cui vengono raccontate le battaglie e per la precisione e la particolarità di descrizione del carattere dei personaggi, posti, ognuno a modo loro, contro le proprie debolezze e paure.   

 

                                                                                                Indice Recensioni