Il Gattopardo, Giuseppe Tomasi di Lampedusa

 

Siamo in Sicilia, alla vigilia della spedizione garibaldina che unificherà l'Italia sotto i colori del tricolore, ma i protagonisti della vicenda non sono rivoluzionarie camicie rosse o i contadini che riverseranno in quell'occasione il loro malcontento derivante da secoli di sfruttamento, duro lavoro e feudalesimo.

I protagonisti, o meglio ancora il protagonista del romanzo, è il principe Fabrizio di Salina: un uomo nobile e possente ma dedito comunque all'arte e alla scienza. E' un caso che Fabrizio sia nato nobile. Eppure il calarci in questo intelligente personaggio, ultimo dei Salina, casato antico e prestigioso anche se ormai decadente, ci offre l'opportunità di guardare alla storia con un occhio diverso; quello che viene messo a nudo è lo sconforto generale e il fatalismo tipici di una Sicilia retrograda, troppo per modernizzarsi e rimettersi al passo con i tempi.

Ed è così che pagina dopo pagina assistiamo alle speculazioni della classe borghese nascente e agli sciali e al fasto di una nobiltà ormai morente.

Emblematico il personaggio di Tancredi, nipote di Fabrizio: egli ha un titolo nobiliare prestigioso ma non ha quattrini. Egli è forse l'unica persona che riesce a comprendere Fabrizio e tra i due sussiste un rapporto di reciproca benevolenza, anche se a dirla tutta, da parte di Tancredi non è priva di interesse.

E' Tancredi, che con la sua scaltrezza e la sua intelligenza diviene il simbolo di una nuova classe sociale, sposando ora questo ora l'altro ideale egli si destreggia tra i cambiamenti storici che vorrebbero travolgere la Sicilia. Ma come dice lui stesso: bisogna che tutto cambi perchè tutto resti com'è.

 

Un bel romanzo che si lascia leggere piacevolmente e ci consegna uno spaccato della Sicilia ottocentesca. Per apprezzarlo al meglio bisogna però calarsi nell'epoca in cui fu scritto, contravvenendo buona parte delle "regole" romanzesche e dei canoni di narrazione di quel periodo.

 

                                                                                            Indice Recensioni